Lavoro Occasionale 2017 - Nuova disciplina

20 settembre 2017

La conversione in legge del D.L. n. 50/2017 ha introdotto, tra le altre misure, una nuova disciplina delle prestazioni occasionali che sostituisce l'istituto del lavoro accessorio retribuito con i voucher.

Attenzione! Il nuovo istituto delle prestazioni occasionali nulla ha a che vedere con le prestazioni di lavoro autonomo aventi natura occasionale la cui disciplina resta invariata.

A differenza del sistema di pagamento proprio dell’istituto ormai abolito (voucher) le prestazioni occasionali saranno retribuite ai prestatori dall’INPS mediante bonifico bancario da corrispondersi entro il giorno 15 del mese successivo a quello di svolgimento dell’attività.

Ai fini dell’utilizzo delle prestazioni occasionali sarà essenziale che utilizzatori e prestatori provvedano a registrarsi presso la nuova “piattaforma informatica INPS”.

Le prestazioni occasionali di nuova introduzione sono le attività che, nel corso di un anno civile, danno luogo:

  • per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro;
  • per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro;
  • per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, a compensi di importo non superiore a 2.500 euro e a non più di 280 ore per anno civile (salvo che per il settore agricolo).

Tutte le soglie indicate sono da considerarsi al netto degli oneri a carico del committente.

Il reddito percepito dai prestatori per effetto delle prestazioni occasionali è esente da imposte, non incide sullo status di disoccupato ed è computabile ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno.

Fatta eccezione per le regole sopradescritte, gli importi dei compensi nonché gli oneri e le modalità di dichiarazione delle prestazioni sono diverse se le prestazioni occasionali saranno utilizzate dalle persone fisiche, che ricorreranno al libretto di famiglia, o da utilizzatori diversi, che ricorreranno al contratto di prestazione occasionale.

Tralasciando in questo documento la tipologia di utilizzatori persone fisiche, vediamo quali sono i comportamenti che devono adottare gli utilizzatori diversi dalle persone fisiche (professionisti, lavoratori autonomi, imprese individuali, società, enti, etc.). 

Il contratto di prestazione occasionale è il contratto mediante il quale tali utilizzatori acquisiscono con modalità semplificate (mediante pagamento con F24 o appositi strumenti di pagamento elettronico che saranno messi a disposizione dall'INPS) prestazioni di lavoro occasionali o saltuarie di ridotta entità.

E' preclusa la possibilità di utilizzo del contratto di prestazione occasionale a:

  • utilizzatori che hanno alle proprie dipendenze più di cinque lavoratori tempo indeterminato; 
  • imprese del settore agricolo, salvo che per le attività svolte da pensionati, studenti minori di 25 anni, disoccupati e percettori di prestazioni a sostegno del reddito, purché non iscritti nell’anno precedente negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli;
  • imprese dell’edilizia e di settori affini, delle imprese esercenti l’attività di escavazione o lavorazione di materiale lapideo, delle imprese del settore delle miniere, cave e torbiere;
  • imprese nell’ambito dell’esecuzione di appalti di opere o servizi.

Il compenso minimo giornaliero per un contratto di prestazione occasionale è pari a 36 euro, compenso che corrisponde ad un numero di ore di prestazione consecutive non superiore a 4.

Eventuali ore eccedenti le 4 giornaliere consecutive devono essere retribuite con un compenso minimo di 9 € per ciascuna ora, salvo che per il settore agricolo.

Su detto compenso sono dovuti i seguenti oneri interamente a carico dell’utilizzatore:

  • 33% del compenso da destinarsi alla Gestione Separata INPS;
  • 3,5% del compenso da destinarsi alla INAIL;
  • 1% del valore complessivo (compenso + oneri) da destinarsi ai costi di gestione.

Il compenso minimo giornaliero corrisponde pertanto ad un costo pari a 49,63 euro ed il compenso minimo orario ad un costo pari a 12,41 euro.

L’utilizzatore deve trasmettere, almeno un’ora prima l’esecuzione della prestazione ed attraverso la piattaforma informatica INPS o mediante contact center, una dichiarazione contenente i dati del prestatore, il compenso pattuito, il luogo di svolgimento, la giornata in cui verrà svolta la prestazione e la relativa durata.

Qualora la prestazione non avvenisse, l’utilizzatore deve comunicarlo, tramite contact center o piattaforma INPS, entro 3 giorni successivi alla giornata programmata. In mancanza di revoca, l’INPS provvederà al pagamento della prestazione e all’accredito dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi.

Lo Studio è a disposizione per richieste di approfondimento e analisi di casi specifici.

   Costantino Caramagno

Archivio news

 

News dello studio

dic30

30/12/2017

Dividendi con tassazione unica al 26%

Dividendi con tassazione unica al 26%

Novità Legge di Bilancio 2018 La legge di bilancio 2018 ha previsto diverse modifiche al regime dei dividendi che sono finalizzate ad equiparare il regime di tassazione degli utili qualificati

ott16

16/10/2017

Bonus fiscali immobili tra presente e futuro

Bonus fiscali immobili tra presente e futuro

Con la fine del 2017 il panorama dei bonus fiscali in edilizia è destinato a cambiare. Stando alle norme attualmente in vigore, infatti, le agevolazioni per ecobonus 65%, detrazione IRPEF del

ott9

09/10/2017

Elenchi Intrastat - semplificazioni dal 2018

Elenchi Intrastat - semplificazioni dal 2018

Il provv. Agenzia delle Entrate 25.9.2017 n. 194409, in attuazione di quanto previsto dall’art. 50 co. 6 del DL 331/93, come modificato dal DL 244/2016, contiene misure di semplificazione degli

News

ago21

21/08/2019

e-commerce e Temporary Export Manager: come chiedere i finanziamenti agevolati

È aperto lo sportello SIMEST che permette

ago20

20/08/2019

Fonti rinnovabili: definite le modalità per le imprese che chiedono gli incentivi

Stabilite le modalità tramite le quali

ago21

21/08/2019

Scadenze fiscali: ingorgo autunnale per imprese e professionisti

Si preannuncia un autunno di fuoco per

ago20

20/08/2019

Lavoratori di fibre ceramiche refrattarie: estensione dei benefici previdenziali

Nella circolare n. 119 del 2019, l’INPS

ago20

20/08/2019

Lavoro sportivo: delega al Governo per riordino e semplificazione della disciplina

Con la legge n. 96 del 2019, pubblicata