Contributo a fondo perduto per attività economiche e commerciali nei centri storici

16 novembre 2020

Contributo a fondo perduto per gli esercizi commerciali delle città a vocazione turistica. L'ammontare del contributo è calcolato in percentuale sul fatturato

Il decreto di agosto convertito con legge n 126 pubblicata il 13 ottobre in Gazzetta Ufficiale all'art.59 prevede un contributo a fondo perduto per i soggetti esercenti attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico, svolte nelle zone A o equipollenti dei comuni capoluogo di provincia o di città metropolitana che, in base all'ultima rilevazione resa disponibile da parte delle amministrazioni pubbliche competenti per la raccolta e l'elaborazione di dati statistici, abbiano registrato presenze turistiche di cittadini residenti in paesi esteri: 

a) per i comuni capoluogo di provincia, in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti negli stessi comuni; 

b) per i comuni capoluogo di città metropolitana, in numero pari o superiore a quello dei residenti negli stessi comuni. 

I Comuni a cui spetta il contributo sono quelli ad alta vocazione turistica e da Venezia a Bari sono 29: Venezia Verbania Firenze Rimini Siena Pisa Roma Como Verona Milano Urbino Bologna La Spezia Ravenna Bolzano Bergamo Lucca Matera Padova Agrigento Siracusa Ragusa Napoli Cagliari Catania Genova Palermo Torino Bari.

Il contributo spetta a condizione che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi riferito al mese di giugno 2020, sia inferiore a due terzi dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi realizzati nel corrispondente mese del 2019.

Per i soggetti che svolgono autoservizi di trasporto pubblico non di linea l'ambito territoriale di esercizio dell'attività è riferito all'intero territorio dei comuni indicati al comma 1.

L’ammontare del contributo è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi riferito al mese di giugno 2020 e l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del corrispondente mese del 2019, nelle seguenti misure: 

  • 15% per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a quattrocentomila euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto
  • 10% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a quattrocentomila euro e fino a un milione di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto
  • 5% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a un milione nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto

L'ammontare del contributo a fondo perduto è riconosciuto, non inferiore a mille euro per le persone fisiche e a duemila euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. Detti importi minimi sono altresì riconosciuti ai soggetti che hanno iniziato l'attività a partire dal 1° luglio 2019.

In ogni caso, l’ammontare del contributo a fondo perduto non può essere superiore a 150.000 euro.

Le domande dovranno essere inviate a partire dal 18 novembre e fino al 14 gennaio 2021.

Archivio news

 

News dello studio

mag2

02/05/2021

Bonus fiscale fino al 60% per la Formazione 4.0

Bonus fiscale fino al 60% per la Formazione 4.0

La legge di Bilancio 2021 ha introdotto importanti novità in tema di ampliiamento delle spese agevolabili per la fruizione del bonus fiscale a favore delle imprese che sostengono spese per la

apr24

24/04/2021

Incentivi per imprese formate da giovani e/o donne

Incentivi per imprese formate da giovani e/o donne

Beneficiari Micro e piccole imprese costituite da non più di 60 (sessanta) mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione e in cui la compagine societaria sia composta, per oltre

mar20

20/03/2021

DL Sostegni - Contributi a fondo perduto

DL Sostegni - Contributi a fondo perduto

L’art. 1 del DL “Sostegni”, approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, prevede un nuovo contributo a fondo perduto per tutti i soggetti che abbiano subito un calo almeno del 30% dell’ammontare

News

giu16

16/06/2021

Orizzonte Europa 2021-2022: in arrivo 14,7 miliardi di euro

La Commissione europea ha adottato il

giu16

16/06/2021

NextGenerationEU: raccolti 20 miliardi di euro

Nella sua prima operazione nell'ambito

giu16

16/06/2021

Imposta fissa di bollo anche per i contratti dei conti di pagamento

Poiché i servizi resi con le carte di

giu16

16/06/2021

Premi di produttività: contratti depositati aggiornato al 15 giugno 2021

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche