Imprese del tessile, moda e accessori, in arrivo i contributi a fondo perduto

10 febbraio 2021

L’8 febbraio 2021 è stato pubblicato sulla G.U. n. 32, il decreto del MISE dello scorso 18 dicembre con il quale vengono definite le modalità di attuazione della misura di sostegno alle piccole imprese operanti nell'industria del tessile, della moda e degli accessori.

Si tratta del decreto attuativo della norma prevista all’articolo 38-bis, comma 1, del Decreto legge n. 34/2020 (cd decreto Rilancio), convertito dalla Legge n. 77/2020, che prevede l'erogazione di contributi a fondo perduto riconosciuti nella misura massima del 50% delle spese ammissibili, al fine di sostenere l'industria del tessile, della moda e degli accessori, con particolare riguardo alle start-up che investono nel design e nella creazione, nonché allo scopo di promuovere i giovani talenti del settore del tessile, della moda e degli accessori che valorizzano prodotti made in Italy di alto contenuto artistico e creativo.

Le risorse finanziarie a disposizione per i suddetti contributi ammontano a 5 milioni di euro per l’anno 2020.

Il decreto ministeriale di recente pubblicazione definisce quindi: le modalità di presentazione delle domande, i criteri per la selezione delle stesse, le spese ammissibili, le modalità di erogazione del contributo, le modalità di verifica, controllo e rendicontazione delle spese e le cause di decadenza e revoca connesse all'utilizzo dei fondi disponibili.

Soggetti beneficiari del contributo a fondo perduto

All’articolo 5 del decreto del 18 dicembre 2020, il Ministero dello Sviluppo Economico definisce l’ambito soggettivo di applicazione dell’intervento agevolativo.

Possono beneficiare dei contributi suddetti le imprese di piccola dimensionenon quotate e che non hanno rilevato l'attività di un'altra impresa e non sono state costituite a seguito di fusione, che alla data di presentazione della domanda devono:

  • risultare iscritte e attive nel Registro delle imprese della Camera di commercio territorialmente competente da non più di cinque anni;
  • svolgere in Italia una o più delle attività economiche agevolate;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie; inoltre, alla data del 31 dicembre 2019, le imprese non dovevano essere in situazione di difficoltà;
  • essere in regola con le disposizioni vigenti in materia obblighi contributivi;
  • non avere ancora distribuito utili.

Per beneficiare dell’agevolazione le suddette imprese devono quindi svolgere almeno una delle seguenti attività, che risulti dal codice “prevalente” di attività comunicato al Registro delle imprese:

13.10.00

13.20.00

13.30.00

13.91.00

13.92.10

13.92.20

13.93.00

13.94.00

13.95.00

13.96.10

13.96.20

13.99.10

13.99.20

13.99.90

14.11.00

14.12.00

14.13.10

14.13.20

14.14.00

14.19.00

14.19.21

14.19.29

14.20.00

14.31.00

14.39.00

15.11.00

15.12.01

15.12.09

15.20.10

15.20.20

16.29.11

16.29.12

20.42.00

20.59.60

32.12.10

32.13.01

32.13.09

32.50.50

32.99.20

 

Infine, possono essere agevolate anche le imprese che non dispongono di una sede legale e/o operativa nel territorio italiano, a condizione che le stesse siano costituite secondo le norme di diritto civile e commerciale vigenti nello Stato di residenza e risultino iscritte nel relativo registro delle imprese, che dispongano di almeno una sede operativa sul territorio italiano alla data di richiesta della prima erogazione dell'agevolazione.

Progetti ammessi al contributo a fondo perduto

Sono agevolabili i progetti che sono finalizzati:

  • alla realizzazione di nuovi elementi di design;
  • all'introduzione nell'impresa di innovazioni di processo produttivo;
  • alla realizzazione e all'utilizzo di tessuti innovativi;
  • e ispirati ai principi dell'economia circolare finalizzati al riciclo di materiali usati o all'utilizzo di tessuti derivanti da fonti rinnovabili;
  • all'introduzione nell'impresa di innovazioni digitali.

Per essere ammessi alle agevolazioni – che sono concesse nella misura del 50% delle spese ammissibili – i progetti, inoltre, devono:

  • essere realizzati dai soggetti indicati che abbiano la propria sede operativa ubicata in Italia, come indicata nella domanda di agevolazione;
  • prevedere spese ammissibili complessivamente non inferiori a euro cinquantamila e non superiori a euro duecentomila;
  • essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione;
  • essere ultimati entro diciotto mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni.

Per quanto riguarda le spese ammissibili, invece, si considerano agevolabili tutte quelle che risultano strettamente funzionali alla realizzazione dei progetti di investimento, come per esempio: le spese di acquisto di macchinariimpianti e attrezzature nuovi di fabbrica;

le spese per brevetti, programmi informatici e licenze software;

le spese di formazione del personale, in misura non superiore al 10% dell’importo del progetto.

Come accedere al contributo a fondo perduto

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello.

I termini e le  modalità di presentazione delle domande di agevolazione verranno definiti con successivo provvedimento del Direttore generale per gli incentivi alle  imprese  del  Ministero.

Lo Studio è a disposizione per richieste di consulenza ed assistenza.

 

Archivio news

 

News dello studio

mag2

02/05/2021

Bonus fiscale fino al 60% per la Formazione 4.0

Bonus fiscale fino al 60% per la Formazione 4.0

La legge di Bilancio 2021 ha introdotto importanti novità in tema di ampliiamento delle spese agevolabili per la fruizione del bonus fiscale a favore delle imprese che sostengono spese per la

apr24

24/04/2021

Incentivi per imprese formate da giovani e/o donne

Incentivi per imprese formate da giovani e/o donne

Beneficiari Micro e piccole imprese costituite da non più di 60 (sessanta) mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione e in cui la compagine societaria sia composta, per oltre

mar20

20/03/2021

DL Sostegni - Contributi a fondo perduto

DL Sostegni - Contributi a fondo perduto

L’art. 1 del DL “Sostegni”, approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, prevede un nuovo contributo a fondo perduto per tutti i soggetti che abbiano subito un calo almeno del 30% dell’ammontare

News

giu16

16/06/2021

Orizzonte Europa 2021-2022: in arrivo 14,7 miliardi di euro

La Commissione europea ha adottato il

giu16

16/06/2021

NextGenerationEU: raccolti 20 miliardi di euro

Nella sua prima operazione nell'ambito

giu16

16/06/2021

Imposta fissa di bollo anche per i contratti dei conti di pagamento

Poiché i servizi resi con le carte di

giu16

16/06/2021

Premi di produttività: contratti depositati aggiornato al 15 giugno 2021

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche