Terza parte - Novità del DL 124/2019 in materia di reati tributari

31 gennaio 2020

Illustrando le novità in relazione alla fattispecie di cui all’art. 4 del DLgs. 74/2000, ovvero nell’ipotesi di dichiarazione infedele, questa terza pubblicazione riporta cosa cambia con l’entrata in vigore del DL 124/2019 in materia di diritto penale tributario

Le novità riguardano:

  • la pena comminata;
  • le soglie di punibilità;
  • la non punibilità correlata alle valutazioni.

In riferimento alla pena comminata, è previsto un aumento della pena che passa dalla reclusione da “uno e tre anni” alla reclusione “da due a quattro anni e sei mesi”. 

Per quanto riguarda le soglie di punibilità sarà, congiuntamente, necessario che:

-       l'imposta evasa sia superiore, con riferimento a taluna delle singole imposte, a 100.000,00 euro (e non più a 150.000,00 euro);

-       l'ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all'imposizione, anche mediante indicazione di elementi passivi inesistenti, sia superiore al 10% dell'ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione, o, comunque, sia superiore a 2 milioni di euro (e non più a 3 milioni di euro).

La nuova disciplina ha efficacia dal 24.12.2019, data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del DL 124/2019 (art. 39 co. 3 del DL 124/2019). Posto che il reato in questione si consuma al momento della presentazione della dichiarazione, la nuova disciplina non impatta sulla dichiarazione annuale relativa al 2018, iniziando ad avere rilievo a partire da quella del periodo d’imposta successivo.

La fattispecie di dichiarazione infedele è stata esclusa da quelle che, in caso di condanna o di applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell'art. 444 c.p.p., avrebbero determinato l'applicazione dell'art. 240-bis c.p. (che sotto la rubrica "confisca in casi particolari" disciplina la c.d. confisca "per sproporzione" o "allargata").

Quindi, riepilogando, in caso di dichiarazione infedele (art. 4 Dlgs. 74/2000).

Disciplina ante DL 124/2019

Fuori dei casi previsti dagli articoli 2 e 3, è punito con la reclusione da uno a tre anni chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, indica in una delle dichiarazioni annuali relative a dette imposte elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo od elementi passivi inesistenti, quando, congiuntamente:

a) l'imposta evasa è superiore, con riferimento a taluna delle singole imposte, a euro centocinquantamila;

b) l'ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all'imposizione, anche mediante indicazione di elementi passivi inesistenti, è superiore al dieci per cento dell'ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione, o, comunque, è superiore a euro tre milioni.

Ai fini di cui sopra, non si tiene conto della non corretta classificazione, della valutazione di elementi attivi o passivi oggettivamente esistenti, rispetto ai quali i criteri concretamente applicati sono stati comunque indicati nel bilancio ovvero in altra documentazione rilevante ai fini fiscali, della violazione dei criteri di determinazione dell'esercizio di competenza, della non inerenza, della non deducibilità di elementi passivi reali.

Fuori da tali casi, non danno luogo a fatti punibili le valutazioni che singolarmente considerate, differiscono in misura inferiore al 10 per cento da quelle corrette. Degli importi compresi in tale percentuale non si tiene conto nella verifica del superamento delle soglie di punibilità.

Disciplina post DL 124/2019

Fuori dei casi previsti dagli articoli 2 e 3, è punito con la reclusione da due a quattro anni e sei mesi chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, indica in una delle dichiarazioni annuali relative a dette imposte elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo od elementi passivi inesistenti, quando, congiuntamente:

a) l'imposta evasa è superiore, con riferimento a taluna delle singole imposte, a euro centomila;

b) l'ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all'imposizione, anche mediante indicazione di elementi passivi inesistenti, è superiore al dieci per cento dell'ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione, o, comunque, è superiore a euro due milioni.

Ai fini di cui sopra, non si tiene conto della non corretta classificazione, della valutazione di elementi attivi o passivi oggettivamente esistenti, rispetto ai quali i criteri concretamente applicati sono stati comunque indicati nel bilancio ovvero in altra documentazione rilevante ai fini fiscali, della violazione dei criteri di determinazione dell'esercizio di competenza, della non inerenza, della non deducibilità di elementi passivi reali.

Fuori da tali casi, non danno luogo a fatti punibili le valutazioni che complessivamente considerate, differiscono in misura inferiore al 10 per cento da quelle corrette. Degli importi compresi in tale percentuale non si tiene conto nella verifica del superamento delle soglie di punibilità.

Archivio news

 

News dello studio

mag20

20/05/2020

Decreto Rilancio: principali novità

Decreto Rilancio: principali novità

1 PREMESSA È stato pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale il DL 19.5.2020 n. 34 (c.d. decreto “Rilancio”), recante misure urgenti per imprese, lavoratori e famiglie a causa

mag7

07/05/2020

Bando Faber 2020 Regione Lombardia - Contributi a fondo perduto per le PMI

Bando Faber 2020 Regione Lombardia - Contributi a fondo perduto per le PMI

Il Bando Faber sostiene le micro e piccole imprese manifatturiere, edili e artigiane per la realizzazione di investimenti produttivi, mediante l’acquisto di nuovi macchinari, impianti di produzione

mag2

02/05/2020

Rimborsi al 100% per le imprese che acquistano DPI

Rimborsi al 100% per le imprese che acquistano DPI

Al via Impresa SIcura, il nuovo bando attivato da Invitalia che punta a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese di qualunque dimensione, operanti in Italia.  Il

News

mag22

22/05/2020

Ricerca e sviluppo: sottoscritti 30 accordi per l'innovazione

Il Ministero dello Sviluppo Economico

mag22

22/05/2020

Sanificazione degli ambienti di lavoro: credito d'imposta anche per gli enti no profit

Si amplia l’ambito applicativo del credito

mag23

23/05/2020

Coronavirus e autocertificazione: si apre l'era dei controllabili

Nell’emergenza Covid-19, lo Stato si è

mag23

23/05/2020

Crediti d'imposta trasformati in moneta fiscale

La cessione dei crediti d’imposta potrebbe

mag25

25/05/2020

Contratti a termine: senza causali ma con la dignità del lavoro

Il decreto Rilancio, per fare fronte all'auspicabile

mag23

23/05/2020

Smart working: il cambiamento d'epoca è arrivato!

Smart working. La rivoluzione è partita